L’origine dello spritz

L’aperitivo è ormai un’occasione irrinunciabile per noi italiani, un momento in cui dopo il lavoro ci si ferma, ci si rilassa e si fanno quattro chiacchiere in compagnia, gustando un buon cocktail e stuzzicherie varie seduti ad un tavolino.

La pratica dell’aperitivo, nonostante solo negli ultimi tempi sta avendo un grande successo, ha origini molto antiche. Essa infatti risale addirittura al V secolo, quando  il medico greco Ippocrate scoprì che per alleviare i disturbi di inappetenza dei suoi pazienti, bastava somministrare loro una bevanda, dal sapore piuttosto amaro, a base di vino bianco, fiori di dittamo, assenzio e ruta. Tale miscuglio venne  tramandato di secolo in secolo, fino a giungere nelle sapienti mani degli erboristi medievali che giunsero alla sorprendente scoperta che a stimolare il senso della fame era proprio  il sapore amaro che rilasciava tale intruglio.

Il nome aperitivo deriva dall’espressione latina “Aperitivus”,  che sta proprio ad indicare “apertura” al senso di fame, che precede i pasti. Ma gli aperitivi non sono tutti uguali ce ne sono di ogni tipologia, ma solo uno è il più amato da noi italiani. Sapete di quale bevanda stiamo parlando? Ma sicuramente dello Spritz!

Origini e curiosità

Lo spritz, è l’aperitivo per eccellenza, è originario della zona del Triveneto, ed è composto da prosecco, e bitter o Aperol e una spruzzata di seltz. Nonostante sia nato in Italia, la sua realizzazione si deve ai soldati asburgici che durante l’occupazione del Veneto nell’800, non riuscendo a bere  i vini veneti considerati troppo corposi, avevano l’abitudine di chiedere  con l’espressione  “spritzen” dell’acqua gassata da spruzzare nel vino per renderlo più leggero e dunque  per loro più bevibile. Nasce così il primo antenato dello spritz, la bevanda che fin da subito iniziò ad essere gradita non solo negli ambienti popolari,  ma anche in quelli della nobiltà austriaca, tanto da divenire la bevanda ufficiale da consumare negli eventi piùmondani.

A partire dagli anni 20 del ‘900, lo Spritz, cambiò ancora una volta gusto, si diffusero infatti i primi sifoni per l’acqua di  seltz e  si pensò di miscelare alla ricetta tradizionale  anche il bitter. Tale combinazione risultò davvero vincente e diede a questa bevanda un ulteriore tocco in più.

Lo Spritz oggi

Oggi lo spritz è il protagonista indiscusso degli aperitivi nostrani. Ogni città però ne conserva una ricetta personale e lo prepara in modo del tutto originale: in Piemonte per esempio la ricetta prevede la presenza del vermouth, seltz e ghiaccio, a Trieste è possibile gustare la ricetta tradizionale fatta di vino e acqua gassata, a Venezia si usa il vino fermo e un liquore locale dal sapore amaro e secco, insomma ogni città ha il suo personale spritz!

 

 

La notte della befana a Napoli

L’Epifania è un giorno veramente speciale, è l’ultima ricorrenza di queste lunghe feste natalizie che ci accompagna dolcemente al ritorno della vita quotidiana fatta di lavoro e studio e di impegni vari.Anche la nostra città si prepara a celebrarla con diversi eventi e soprattutto tradizioni che ormai sono diventate parte integrante del tessuto societario partenopeo e che si tramandano da diverso tempo.

L’aria dell’Epifania si inizia a  respirare a Napoli  nei diversi giorni, giorni che precedono la fatidica notte del 5 gennaio in cui la befana arriverà nelle case per portare dolciumi e regali per tutti.Le maggiori piazze da quella di via Toledo a via Scarlatti, Piazza Cavour, ospitano banchetti con calze e dolciumi,  i commercianti  si sfidano in una battaglia a suon di dolci e caramelle. Ma l’apoteosi di questa festa arriva proprio la sera del 5 gennaio quando a piazza Mercato si realizza l’evento più caratteristico dell’intera città, suoni, balli, stand di dolci a prezzi bassissimi,  giocattoli di ogni genere, la notte della befana diventa il momento cardine per vivere una notte magica, magica come la nostra città.

Ma qual è l’origine di questa festa? Scopriamolo insieme con alcune curiosità sulla festa più dolce che ci sia.

Epifania: tra miti e leggende

Forse non tutti sanno che l’Epifania ha origine antichissime e soprattutto in pochi sanno che  prima di diventare una festa della religione Cristiana, questo tipo di celebrazione era tipica del popolo romano e di matrice pagana.Secondo un’antica leggenda, dodici giorni dopo il solstizio di dicembre, la dea Diana, sorvolava sui campi per promettere fertilità e i romani si scambiavano un dono di buon augurio per l’anno nuovo.A partire dal IV secolo d.C. la chiesa Cattolica, fece sua questa festa adattandola però alla venuta dei Re Magi alla grotta di Gesù bambino, con in mano i doni destinati al figlio di Dio.
Ma perchè la simbologia di una vecchina?Beh secondo una narrazione   popolare  i Re Magi, diretti a Betlemme per portare i doni a Gesù Bambino, non riuscendo a trovare la strada, chiesero informazioni a una signora anziana. Malgrado le loro insistenze, affinché li seguisse per far visita al piccolo, la donna preferì non uscire di casa per accompagnarli. Alla fine, però pentita di non essere andata con loro, dopo aver preparato un cesto di dolci, uscì di casa e si mise a cercarli, senza però  riuscire nel suo intento. Così bussò  ad ogni casa che incontrava  lungo il  suo cammino, donando dolci ai bambini in cui si imbatteva, nella speranza che uno di essi fosse il piccolo Gesù.

 

 
 

 

E DOPO LA PIZZA IL CAFFÈ NAPOLETANO!

Articolo scritto da Michele Sergio e pubblicato su Il Roma del 31.12.2017

Sono due le icone della nostra secolare tradizione gastronomica. Due veri e propri gioielli che identificano la nostra città nel mondo, ne impersonano lo spirito, quella napoletanità fatta di cose semplici, genuine, veraci. La pizza, il più rapido, semplice e saporito fast-food; il caffè espresso, la bevanda immancabile, per tutti ed in ogni momento della giornata, immediata e non certo a caso definita nel secolo scorso “Espresso”.

La scorsa settimana, come a tutti noto, la pizza napoletana ha ricevuto il riconoscimento a patrimonio immateriale dell’umanità Unesco, dopo anni di battaglie da parte dei tanti sostenitori di ogni parte del mondo. I tempi sono ampiamente maturi: ora è la volta del caffè napoletano, dell’espresso napoletano, di quel “bene” che merita altrettanta attenzione e protezione internazionale. È il caffè che si fa da noi, nella nostra città, copiato in tutto il mondo, ma non con la stessa arte, non con lo stesso spirito, non con lo stesso cuore che solo i nostri baristi riescono a infondere nella preparazione della magica nera bevanda.

Pur con macchinari e miscele simili, l’espresso preparato in ogni altra parte che non sia Napoli è una cosa differente dal nostro, quello che ogni turista che viene a visitare la nostra città vuole provare almeno un volta – e mai si limita ad una sola degustazione – convinto, senza sbagliarsi, di vivere un’esperienza di gusto e culturale unica. Insomma l’espresso napoletano è l’Espresso, vera istituzione della società partenopea, che merita senz’altro il riconoscimento Unesco, al pari dei Caffè Viennesi e del Caffè Turco che, forse non tutti sanno, avere ricevuto il “titolo” rispettivamente nel 2011 e nel 2013.

Siamo convinti che ogni napoletano e tutti gli amanti sparsi per il mondo intero pensino che il riconoscimento di patrimonio dell’umanità del nostro caffè espresso sia (almeno) altrettanto meritato. C’è solo da augurarsi che i Caffè ed i Bar tutti di Napoli, le migliori forze culturali, sociali e amministrative, sostengano in maniera compatta la candidatura, sì da aggiungere un nuovo, ulteriore e prezioso elemento di lustro, riconoscibilità ed eccellenza della nostra città e dei suoi storici e unici sapori.

Dall’auspicio alla concretezza, il giorno 10 dicembre 2017 al Caffè Gambrinus è partita la raccolta di firme a sostegno della candidatura. La scelta della data è propriamente coincisa con la celebrazione della giornata internazionale del caffè sospeso, dilagante fenomeno sociale e di costume nato, manco a dirlo, proprio a Napoli.